Valbrembo: Più sicurezza sugli autobus Bergamo coinvolge 10 Comuni – Cronaca – L’Eco di Bergamo

«Lo scopo – ha dichiarato Invernizzi – è quello di garantire un presidio del territorio e delle fermate degli autobus circa 10/15 volte al mese, tramite un’azione preventiva della polizia locale a sostegno delle utenze più deboli: anziani, donne incinte e bambini».

viaPiù sicurezza sugli autobus Bergamo coinvolge 10 Comuni – Cronaca – L’Eco di Bergamo.

Scuole, sabato tutto chiuso In città e provincia si resta a casa – Cronaca – L’Eco di Bergamo

Scuole chiuse per la neve e il ghiaccio in tutta la città e la provincia per la giornata di sabato 18 dicembre. Lo ha deciso la Prefettura in accordo con la Provincia di Bergamo, a causa della forte nevicata di venerdì e delle previsioni meteo che segnalano temperature molto rigide e possibili strade ghiacciate.

viaScuole, sabato tutto chiuso In città e provincia si resta a casa – Cronaca – L’Eco di Bergamo.

AGI News On – YARA: ACCERTAMENTI IN CORSO SU UN UOMO ITALIANO

(AGI) Bergamo – Un uomo viene sottoposto in queste ore ad accertamenti nell’ambito delle indagini sulla scomparsa di Yara Gambirasio. Per ora si sa soltanto che si tratta di un trentenne italiano con precedenti per reati comuni, contro patrimonio e persona e non sessuali. Non si sa ancora perche’ l’attenzione degli investigatori si sia rivolta nei suoi confronti (a parte una segnalazione arrivata alla trasmissione tv “Chi l’ha visto?”), ma si sa comunque che non e’ indagato ne’ sottoposto a nessun tipo di provvedimento. Altri accertamenti sono in corso anche sui due marocchini che sono stati arrestati la scorsa notte a Zingonia dopo avere sequestrato e violentato per una notte intera una

viaAGI News On – YARA: ACCERTAMENTI IN CORSO SU UN UOMO ITALIANO.

«Giacca non di Yara Gambirasio» Ricerche estese anche a Mozzo – Cronaca – L’Eco di Bergamo

«Non è il giubbino di Yara». Gli inquirenti sono sicuri: dopo il ritrovamento del capo di abbigliamento ai margini dell’asse interurbano, gli investigatori sono giunti alla conclusione che non si tratta della giacca che la ragazza indossava al momento della scomparsa. Ora le ricerche sono anche nella zona di Mozzo.

Un giubbino nero è stato ritrovato dagli inquirenti nella mattinata di venerdì 3 dicembre attorno alle 10.30. Il ritrovamento è avvenuto nell’ultimo tratto stradale dell’asse interurbano aperto nei giorni scorsi tra Bonate e Mapello su segnalazione di una donna.

Quest’ultima si sarebbe recata nell’area dell’ex Sobea, dove è ancora in corso il sopralluogo dei carabinieri, segnalando ai militari di aver visto un giubbino nero lungo quel tratto di strada.

La donna ha poi accompagnato alcuni carabinieri in borghese sul luogo indicato, lungo la strada in direzione di Mapello all’incirca all’altezza dello svincolo di Locate per chi provinene invece dalla direzione opposta.

Attraversata la strada, uno dei carabinieri in borghese ha allertato telefonicamente la centrale operativa, dopo di che ha preso il giubbino.

I militari hanno portato il capo di abbigliamento in caserma, accompagnati dalla donna, per i rilievi del caso. Dalle prime analisi la giacca non risulta quella che Yara indossava il giorno in cui è scomparsa, venerdì 27 novembre.

Intanto le ricerche proseguono a tutto campo, estese su una zona molto vasta che comprende, oltre ad Almè, Ponteranica ed Almenno, anche Mozzo.

via«Giacca non di Yara Gambirasio» Ricerche estese anche a Mozzo – Cronaca – L’Eco di Bergamo.